Progetto Comma al via

Progetto Comma al via
Marzo 20, 2018 admin

Prende il via il progetto COMMA – Il ruolo del Community Manager nei nuovi progetti di attivazione delle comunità. Obiettivo: trovare una risposta adeguata alle richieste sempre più pressanti che arrivano dai soggetti che si occupano di lavorare con le comunità.

Il progetto, svolto in prima persona dalla dott.ssa Valentina Sega, ha come obiettivo principale quello di riuscire a individuare in modo sintetico, facendo perciò sintesi delle varie esperienze, un profilo professionale nuovo, quello del community manager, sulla base di una ricerca bibliografica e di un’indagine di tipo qualitativo.

Dal 2012, quando le prime Case di quartiere di Torino cominciarono ad animare i quartieri cittadini e a Bologna nasceva il fenomeno delle Social Street, in molti hanno iniziato a riflettere su queste esperienze. Negli anni più recenti sono fiorite ovunque iniziative simili: Lulu dans ma rue a Parigi, l’edicola/portinaio di quartiere, oppure Portineria 14 a Milano, bar che offre in modo gratuito servizi e consigli al vicinato o ancora il Mani Man di Genova, solo per citare le più conosciute.

Altre esperienze cominciano ad interrogarsi su quanto sta accadendo nei quartieri più marginali, come nell’esperienza dei Community Hub di Kilowatt e Avanzi.

Tutte queste operazioni vanno al di là dei perimetri tradizionali del welfare, cercando di lavorare sulle relazioni anzichè sulle prestazioni, segnando un cambio di paradigma nella produzione di servizi di supporto alle persone.

A legittimare queste iniziative ci sono stati poi importanti progetti costruiti dalle fondazioni di origine bancaria, quali il progetto Welfare in azione di Cariplo, Esprit di Fondazione Cariparma oppure ancora Welfare a KM Zero di Fondazione Caritro. Questi ed altri percorsi hanno contribuito ad aumentare sempre di più la massa critica dei progetti che si occupano di un welfare di comunità che passa spesso per dei manager di comunità.

Queste esperienze procedono però per compartimenti stagni, con la difficoltà di comunicare tra di loro senza riuscire a fare sintesi di quanto sta avvenendo a livello ormai nazionale. Nel panorama italiano le esperienze di community managing si stanno moltiplicando in modo non sistematico, mancando di una riflessione teorica che riesca a restituire la portata del fenomeno.

Obiettivo primario del progetto è quindi il tentativo di sistematizzare e definire il profilo professionale del community manager spostando il baricentro di queste esperienze sul Trentino che si porrebbe come un territorio all’avanguardia nella riflessione – teorica e orientata alla pratica – su queste tematiche.

Il progetto è stato finanziato nel Bando per giovani ricercatori coinvolti in progetti di eccellenza pubblicato il 17 febbraio 2017 da Fondazione Caritro. Il Bando ha lo scopo sostenere percorsi di crescita di giovani ricercatori, mettendo a disposizione risorse economiche per borse, assegni o contratti di ricerca destinati a giovani ricercatori coinvolti in qualificati progetti di ricerca in Italia e all’estero su tematiche di interesse per il contesto trentino. La realtà di ricerca ospitante è la Fondazione Franco Demarchi in partnership a CBS – Community Building Solutions.